Notizie per l'industria delle materie plastiche e della gomma. Macplas
Ambiente mercoledì, 7 gennaio 2015

Tappa italiana per la dodicesima edizione di IdentiPlast

Affermatosi come evento europeo di primo’ordine per il settore del riciclo e del recupero di scarti in materiale plastico sin dalla sua prima edizione, nel 1997, IdentiPlast, dopo sedi prestigiose come Londra, Madrid, Varsavia e Parigi, nel 2015 si svolgerà a Roma. L’appuntamento è fissato per il 29 e il 30 aprile presso il centro conferenze Roma Eventi - Fontana di Trevi. Organizzata da PlasticsEurope, ACC (American Chemistry Council), PWMI (Plastic Waste Management Institute), EPIC (Environment and Plastics Industry Council) e EPRO (European association of Plastics Recycling & Recovering Organisation), la dodicesima edizione della conferenza internazionale chiamerà a raccolta esperti di caratura internazionale, che condivideranno le proprie conoscenze ed esperienze, così da identificare le linee guida da seguire per realizzare l’obiettivo di una società priva di rifiuti plastici e analizzare il suo ruolo all’interno dell’economia circolare.

L’apertura dei lavori è stata affidata a Daniele Ferrari, presidente di PlasticsEurope Italia, a Giovanni La Via, parlamentare europeo presidente della commissione ambiente, salute pubblica e sicurezza alimentare, e a Roberto De Santis, presidente di Conai, il consorzio nazionale imballaggi. Nel fitto programma dei due giorni di lavori saranno discussi argomenti quali: l’economia circolare in Europa: raccolta, selezione e riciclo delle materie plastiche; la legislazione sui rifiuti, con un aggiornamento sulla sua implementazione a livello europeo e globale; le attività principali per promuovere l’iniziativa “Zero Plastics to Landfill”; la strada per accelerare la dismissione delle discariche in Europa; la condivisione delle buone pratiche, dal riciclo alle opportunità per le plastiche biodegradabili; la gestione dei rifiuti: identificazione, raccolta, trattamento e selezione; i benefici economici e ambientali; le prospettive per i rivenditori all’interno dell’economia circolare.

Condividi: