Notizie per l'industria delle materie plastiche e della gomma. Macplas
Marketing mercoledì, 8 giugno 2022

SER apre le porte al territorio

A tre anni dall’acquisizione da parte di Sirmax e dopo una profonda riqualificazione, SER ha aperto le porte al territorio: spazi raddoppiati e addetti triplicati, un processo produttivo evoluto e un’ulteriore crescita prevista per il futuro sono stati presentati con un evento presso la sede di Salsomaggiore Terme (Parma) il 7 giugno. “Stabilimento strategico per il gruppo Sirmax, qualità parmense replicata negli Stati Uniti”, ha dichiarato il presidente e CEO di Sirmax, Massimo Pavin (nella foto al centro).

 

Una trasformazione radicale ha infatti interessato SER, che ha cambiato il volto dell’azienda, ampliandone gli spazi e l’attività. Dopo l’acquisizione da parte di Sirmax Group, avvenuta nel 2019, Società Europea di Rigenerazione, SER, appunto, di Salsomaggiore Terme è cresciuta in termini di addetti e aree produttive. Fino al 2019 il business era rivolto alla sola produzione di granuli riciclati in HDPE, ottenuti prevalentemente da plastica da post consumo della raccolta differenziata urbana. Oggi, con l’intervento di Sirmax, si aggiunge anche quella di granulati termoplastici di polipropilene riciclato, sempre proveniente dalla raccolta urbana, destinato a essere utilizzato negli altri stabilimenti del gruppo come materia prima “nobilitata” per realizzare compound per beni durevoli. Inoltre, i dipendenti sono triplicati - oggi l’azienda ne conta una sessantina, dai 22 del 2019 - e nuove figure professionali sono tutt’oggi ricercate: dagli operatori di produzione ai manutentori, ai tecnici di laboratorio.

 

Il nuovo volto dello stabilimento

In tre anni, Sirmax Group ha investito in SER circa 30 milioni di euro. I lavori di ampliamento, riqualificazione e rigenerazione urbanistica hanno interessato l’edificio preesistente, oltre agli edifici contigui (ex Salsoplast e Sale), al quale sono stati aggiunti nuovi uffici, sale riunioni, laboratori, una sala medica, un’officina, spazi comuni e - in fase di completamento - una grande sala didattica-formativa, oltre alla nuova parte produttiva dedicata alla famiglia di prodotti introdotti da Sirmax, quella del polipropilene riciclato. Sono state installate macchine per la macinazione, il lavaggio e l’asciugatura di rifiuti plastici e sono state acquistate due nuove linee di estrusione, che trasformano la scaglia ricavata in prodotto finito.

 

L’intera fabbrica si presenta oggi con un progetto architettonico che unisce visivamente gli impianti produttivi, attraverso pannelli-filtro che limitano le emissioni sonore verso l’esterno, oltre a minimizzare le emissioni e gli odori provenienti dallo stabilimento. Un ulteriore ampliamento ha riguardato la zona a sud del lotto attuale, dove alcuni capannoni già esistenti sono stati acquistati, riqualificati e messi a norma, per essere destinati per lo stoccaggio dei materiali finiti.

 

SER strategica davanti a una domanda del mercato in continua crescita

Complessivamente, dal 2019 a oggi, l'area di proprietà del Gruppo Sirmax ha subìto un incremento in termini di spazio occupato da 19 mila a 31 mila metri quadri e in termini di superficie coperta da 9 mila a 14 mila metri quadri. Spazi che si sono resi necessari per rispondere alla domanda del mercato, in continua crescita, di plastica riciclata da post consumo e che trasformano SER in un grande polo legato all’economia circolare, rendendola un riferimento a livello internazionale nel campo dei materiali sostenibili.

 

“SER ha per Sirmax un’importanza strategica fondamentale”, ha dichiarato Massimo Pavin. “È un’eccellenza che ha potenziato il gruppo, dando vita a nuove produzioni all’avanguardia. È stata acquisita perché Sirmax, da produttore di materie plastiche, crede fermamente in una produzione sostenibile e nel riutilizzo della plastica. Con SER il nostro gruppo può mettere in atto l’upcycling, una sostenibilità che non è solo riciclo, cioè far tornare un oggetto alla stessa funzione o trasformarlo perdendo valore. L'upcycling è il riutilizzo degli oggetti per creare un prodotto di maggiore qualità, che possa essere impiegato anche per componenti di elettrodomestici o di automobili, cioè per beni durevoli. La materia prima è destinata a scarseggiare, il futuro dovrà valorizzare ciò che c’è e tutti gli attori della filiera della plastica dovranno generare valore da ciò che è a disposizione”.

 

L’acquisizione dell’azienda di Salsomaggiore Terme ha permesso a Sirmax di avviare progetti con primari produttori del mondo dell’auto e dell’elettrodomestico per l’utilizzo di materie prime circolari. Fino al 2019, infatti, l’azienda padovana aveva concentrato il suo business nella produzione di compound a base di polipropilene e di tecnopolimeri tradizionali, da resine vergini. Con SER, il gruppo veneto è entrato nel business del prodotti green e sostenibili e nell’economia circolare: la plastica riciclata viene nobilitata con additivi e cariche meccaniche che la rendono adatta ai beni durevoli. Il packaging usato una sola volta viene riciclato e trasformato non tanto in un secondo packaging, quanto in un bene destinato a durare nel tempo, resistente, in molti casi, come la plastica vergine.

 

La sostenibilità come valore, in tutte le sue forme

Inoltre, unendo, all’interno dello stesso granulo, plastica riciclata con plastica vergine, Sirmax può realizzare prodotti che riducono le emissioni di CO2. Lo dimostra uno studio commissionato a Spinlife, società dell’Università di Padova, sulla valutazione del ciclo di vita (LCA). Oggetto dello studio sono stati due compound a base di polipropilene destinati ai settori auto ed elettrodomestico, entrambi additivati con cariche minerali, masterbatch coloranti e altri additivi in diverse percentuali. Dall’analisi emerge come la sostituzione di polipropilene vergine con riciclato da post consumo può comportare, in molti casi, il dimezzamento delle emissioni di anidride carbonica.

 

“SER ha una tale importanza per il gruppo Sirmax”, ha aggiunto Massimo Pavin, “che è divenuta un modello di business da replicare negli Stati Uniti. Nel 2020, l’anno dopo la nostra acquisizione e in piena pandemia, abbiamo realizzato ad Anderson, nell’Indiana, uno stabilimento “gemello” di SER, dove viene applicata la stessa tecnologia innovativa nella lavorazione della plastica da post consumo e post industriale, lo stesso know-how e la stessa qualità che abbiamo trovato qui a Salsomaggiore”.

 

Per Sirmax, l’ingresso nella green economy avviata con SER, è la messa a terra di quelli che erano già i valori di sostenibilità perseguiti negli anni: essere sostenibili nella vicinanza al cliente, con forniture a km zero, risparmi di tempo, minor costi e maggiore qualità nel servizio; avere una filiera controllata e tracciata, con partner che rispondono a requisiti precisi di qualità; essere flessibili e veloci nel soddisfare richieste ad hoc che provengono dal cliente; avere una sostenibilità finanziaria e una trasparenza nei bilanci che rende solida l’azienda e, ultimo ma non meno importante, essere sostenibili verso i dipendenti e gli enti esterni per una crescita strutturata che offra nuove opportunità di lavoro e collaborazione nel pieno rispetto dei temi ambientali.