Notizie per l'industria delle materie plastiche e della gomma. Macplas
Ambiente giovedì, 18 settembre 2014

Recupero di scarti per la salvaguardia ambientale

Il noto colosso americano Avery Dennison, leader nei materiali e nelle soluzioni per l’imballaggio e l’etichettatura, ha esteso il proprio programma europeo di smaltimento dei rifiuti scegliendo l’azienda Tramonto Antonio, fornitrice di servizi ambientali, come partner per l’Italia settentrionale.

L’azienda lombarda, con sede a Vergiate (Varese), si è unita a un gruppo di partner selezionati in grado di gestire gli scarti derivanti dai processi d’utilizzo dei materiali autoadesivi in modo alternativo allo smaltimento in discarica o in inceneritore, consentendo in questo modo agli etichettifici e ai proprietari dei marchi di migliorare le loro prestazioni in termini di sostenibilità.

“Con l’aiuto di partner affidabili, Avery Dennison sta introducendo soluzioni migliorative per la gestione dei rifiuti a vantaggio dei clienti del settore”, afferma Xander van der Vlies, responsabile per la sostenibilità presso Avery Dennison Materials Group.

“La salvaguardia dell’ambiente è un aspetto cruciale e vogliamo offrire agli etichettifici credenziali di sostenibilità affidabili, basate su programmi concreti e trasparenti. Questo programma non solo fornisce una soluzione più sostenibile, ma permette di semplificare la gestione dei rifiuti e di ridurne il costo. I materiali riciclabili ottenuti dai laminati, come il supporto siliconato, vengono raccolti e destinati al riciclo, contribuendo al recupero di risorse. Gli scarti da rifilo e di avviamento sono invece processati per produrre CDR (combustibile derivato dai rifiuti) utilizzato nei cementifici come alternativa al carbone. Questo permette di ridurre il consumo di combustibili fossili non rinnovabili, oltre a evitare lo smaltimento in discarica o in inceneritore e le emissioni ad essi associate. Inoltre, le ceneri vengono inglobate nel prodotto finale evitando la presenza di residui da smaltire”.

Davide Tramonto, responsabile tecnico dell’azienda italiana, spiega: “Trovare la migliore soluzione per i rifiuti nel rispetto dell’ambiente è parte fondamentale del nostro lavoro. Questo programma rappresentava un’ottima possibilità di collaborare e contribuire all’impegno di Avery Dennison nei confronti della sostenibilità. Abbiamo investito nella nuova tecnologia di produzione CDR nel 2010 e siamo conformi agli stringenti parametri richiesti dai cementifici, oltre che ai requisiti normativi, come dimostrato da un’ampia serie di certificazioni: UNI EN ISO 9001:2008, UNI EN ISO 14001:2004, OHSAS 18001:2007, SA 8000 ed EMAS”.

Oltre ai benefici ambientali, il programma può offrire vantaggi economici in termini di risparmio sui costi attuali di smaltimento, che, a seconda delle circostanze, possono raggiungere il 20%. Anche altri etichettifici italiani, tra cui Artes (Arcisate) ed Euroadhesiv (Omegna), hanno aderito recentemente a questo programma.

Condividi: