Notizie per l'industria delle materie plastiche e della gomma. Macplas
Marketing lunedì, 1 agosto 2022

Polieco, aumento del contributo a sostegno delle imprese del riciclo

L’assemblea dei soci di Polieco, il consorzio nazionale per il riciclo di rifiuti di beni in polietilene, svoltasi il 29 luglio, ha deliberato a partire dal 2023 l’aumento del 100% del contributo per tonnellata di rifiuti dichiarati per i riciclatori con impianto di lavaggio, del 50% per i riciclatori senza impianto di lavaggio e i trasportatori con area attrezzata e del 25% per i trasportatori senza area attrezzata.

 

“Una scelta che va nella direzione, intrapresa già con varie azioni a tutela del comparto, come la rateizzazione del contributo adottata nel periodo pandemico, proprio nell’ottica di sostenere in modo sempre più incisivo le imprese, che attraversano un momento storico di grave difficoltà. È stata deliberata anche la riduzione del contributo ambientale in entrata. Se questo è stato possibile, lo si deve soprattutto agli ottimi risultati raggiunti sul riciclo”, ha commentato il presidente del Polieco, Enrico Bobbio.

 

Polieco, responsabile dell’intero quantitativo di beni in polietilene immessi al consumo sul mercato nazionale, anche quest’anno ha largamente raggiunto gli obiettivi di riciclo. Nel 2021 sono state raccolte 372.246 tonnellate di rifiuti di beni in polietilene, da cui sono state ottenute 332.451 tonnellate di prodotto riciclato, con un tasso di riciclo del 45,79 %. Per quanto riguarda gli iscritti è stata registrata una crescita di circa il 5.6%.

 

Numerosi i progetti e le collaborazioni che vedono il consorzio impegnato nella promozione dell’economia circolare. La direttrice del consorzio, Claudia Salvestrini, ha illustrato il lavoro che sta portando avanti il tavolo tecnico con Spinlife - spinoff dell’Università di Padova per il marchio Made Green in Italy, prima per gli shopper, poi per i bin e le ali gocciolanti, nonché il lavoro per il Marchio Rifiuti km 0 con Accredia. “Valorizzare il mercato di prodotti italiani di eccellenza dal punto di vista del riciclo, del riutilizzo e del rigenerato di partenza, certificando l’intera filiera, è nostro obiettivo primario per una vera economia circolare”, ha sottolineato Salvestrini.

 

Dal progetto con Confcooperative per la raccolta dei rifiuti marini in Sardegna alla gestione dei rifiuti agricoli nell’ambito del protocollo siglato con Coldiretti Caserta, dalla convenzione con il consorzio Ecoped per l’avvio a riciclo dei materiali in polietilene contenuti nei rifiuti RAEE agli screening energetici per le aziende con Federesco e alla consulenza per la partecipazione a bandi nazionali e comunitari, l’assemblea è stata occasione per un punto sulle attività in corso e in programma a tutela dell’ambiente e delle imprese associate.

Condividi: