Notizie per l'industria delle materie plastiche e della gomma. Macplas
Materiali venerdì, 26 marzo 2021

Materie prime certificate per la transizione ambientale

Sempre più aziende di diversi settori industriali sono alla ricerca di materie prime sostenibili e con contenuti riciclati in grado di ridurne l’impatto ambientale e garantire al contempo prestazioni pari a quelle dei materiali ottenuti da fonti fossili. Per questo Basf ha da tempo introdotto nel suo modello di produzione nuove tecnologie e processi - ChemCycling e Biomass Balance Approach - che consentono di ottenere prodotti chimici utilizzando materie prime di origine rinnovabile provenienti da biomassa sostenibile (come rifiuti organici) o da cicli di recupero dei rifiuti plastici.

 

Tra i primi prodotti disponibili troviamo l’EPS espandibile, sia nella classica formulazione bianca Styropor sia nella versione grigia Neopor caricata con grafite, particolarmente indicata per il mercato dell’isolamento termico degli edifici. Con Styropor CCycled o BMB è possibile realizzare tutte le applicazioni tradizionali di questo materiale apprezzato come soluzione ideale per il packaging e particolarmente indicato per garantire la catena del freddo in numerosi mercati, da quello alimentare, per esempio con le vaschette per gelato o la conservazione di prodotti ittici, a quello mediale. In Europa Styropor Ccycled è attualmente utilizzato per realizzare le scatole in cui viene conservato e trasportato il vaccino anti-Covid-19. Nei prossimi mesi, Basf Italia renderà disponibili sul mercato sempre più prodotti basati su queste tecnologie di riciclo.

 

Basf definisce, attraverso un rigoroso calcolo matematico, in che percentuale i prodotti ottenuti alla fine del ciclo produttivo sono stati realizzati utilizzando materia prima a base biologica od olio di pirolisi ricavato dal processo ChemCycling. Una procedura che viene certificata da un ente indipendente secondo lo schema REDCert2, accettato in tutta Europa e che in Italia viene recepita e riconosciuta anche da Remade in Italy, l’associazione proprietaria del primo schema di certificazione accreditato in Italia per la verifica del contenuto di materiale riciclato in un prodotto. In questo modo gli utilizzatori di prodotti Basf certificati BMB e CCycled possono certificare tramite Remade in Italy il contenuto di materiale riciclato dei loro prodotti finali, ottenendo concreti vantaggi in termini di conformità di materiali e prodotti, come previsto dai Criteri Ambientali Minimi (CAM) del Ministero della Transizione Ecologica.