Notizie per l'industria delle materie plastiche e della gomma. Macplas
Ambiente venerdì, 6 maggio 2022

Iniziata l’operatività di R-Cycle

Con la prima assemblea svoltasi il 3 maggio presso la sede di Multivac a Wolfertschwenden (Germania), è ufficialmente iniziata l’operatività di R-Cycle. Fondata nel 2020 su iniziativa di varie società e organizzazioni operanti nella filiera degli imballaggi in plastica, R-Cycle ha lo scopo di stabilire uno standard di tracciabilità digitale in tale settore tramite “passaporti digitali” attribuiti ai prodotti, in modo da gettare le basi tecniche per una raccolta differenziata più precisa e un riciclo di qualità superiore per promuovere un'economia circolare efficace.

 

"Ora che lo sviluppo e il test dell'infrastruttura tecnica sono stati completati con successo nella primavera del 2022, R-Cycle è accessibile come comunità aperta a tutte le aziende, istituzioni e stakeholder che hanno interessi nel campo dell'economia circolare per gli imballaggi in plastica e intendono utilizzare, supportare o sviluppare ulteriormente R-Cycle”, ha commentato Benedikt Brenken (nella foto in basso), direttore di R-Cycle.

 

I membri aderenti alla comunità sono saliti dagli iniziali sei agli attuali 19, che possono accedere a un’ampia rete di partner esperti in sostenibilità e digitalizzazione. Oltre all’assemblea generale, la struttura prevede gruppi di lavoro specializzati che si occupano in modo specifico dei vari ambiti applicativi dei passaporti digitali. La piattaforma può essere collegata in rete con tutti i comuni software, nonché con un'ampia varietà di apparecchiature di produzione e sistemi per il riciclo. La tecnologia di tracciabilità di R-Cycle si basa sugli standard GS1, la rete globale per lo sviluppo di processi intersettoriali che figura anche tra i fondatori di R-Cycle.

 

Fornendo un passaporto digitale tutti i dati rilevanti per il riciclo vengono registrati automaticamente durante la produzione degli imballaggi in plastica e resi recuperabili tramite appositi contrassegni (per esempio filigrane digitali o codici QR) su prodotti intermedi e finali. Ciò consente agli impianti di raccolta differenziata di identificare accuratamente gli imballaggi e di formare frazioni mono-varietà compatibili con il riciclo. Oltre a migliorare la sostenibilità del prodotto, questo consente a produttori e trasformatori di imballaggi in plastica di avvantaggiarsi anche in termini di efficienza dei processi, qualità e rispetto dei requisiti di legge.

 

“R-Cycle non è solo un concetto, ma una soluzione collaudata che ora stiamo portando sul mercato. La prima assemblea ha già mostrato quanto spirito innovativo i nostri membri portino al tavolo per sfruttare il potenziale dei passaporti digitali dei prodotti in plastica come parte di un'economia circolare efficiente", ha concluso Brenken.

Condividi: