Notizie per l'industria delle materie plastiche e della gomma. Macplas
Tecnologia martedì, 29 giugno 2021

ErP 2021 e condensatori a microcanale

Il 2021 è un anno di rivoluzione per la refrigerazione industriale e non. L’entrata in vigore della direttiva ErP (Energy related Products), che obbliga i costruttori di chiller a incrementarne l’efficienza energetica, è stata propedeutica nel 2020 per la revisione completa delle linee, onde poter rispettare i livelli di SEPR HT, che consentono alle unità di poter essere certificate CE e di raggiungere un’efficienza media superiore come minimo del 20% rispetto a quella dello scorso anno.

 

Il lavoro del team d’ingegneri della divisione R&D di Frigosystem, in collaborazione con i fornitori partner, ha consentito all’azienda non solo di raggiungere l’obiettivo sopracitato, ma anche di poter contare su uno dei più efficienti pacchetti di chiller sul panorama mondiale. L’introduzione e lo sviluppo di soluzioni all’avanguardia, alcune “patent pending”, hanno infatti permesso di superare di molto i limiti minimi di efficienza imposti dalla direttiva ErP 2021.

 

Va poi ricordato che il condensatore, di fatto, è il principale attore dello scambio termico tra refrigerante e ambiente esterno. Attraverso i condensatori, infatti, viene scaricato all’esterno del refrigeratore industriale il calore che questo assorbe per realizzare l’effetto refrigerante. “Un condensatore con un buon rendimento impatta significativamente sull’efficienza dell’intera macchina, nonché sulle temperature a cui è in grado di lavorare”, ha ricordato Alessandro Grassi, amministratore unico di Frigosystem, aggiungendo poi che “nella categoria delle macchine frigorifere raffreddate ad aria, oggi i condensatori impiegati in maniera più estensiva sono quelli a pacco alettato con tubi in rame e alette d’alluminio. Da qualche tempo, tuttavia, una nuova tecnologia si sta ritagliando uno spazio tutt’altro che indifferente: quella dei condensatori a microcanale”.

 

Sempre più rodata e ormai pressoché uno standard nel settore automobilistico, la tecnologia citata da Grassi presenta sostanziali differenze rispetto a quella convenzionale dei “condensatori rame più alluminio”. Innanzitutto, la batteria microcanale è realizzata interamente in alluminio. I tubi, piatti, sono saldati direttamente sui due collettori posti ai lati della batteria e le alette - ricavate da un’unica lamina d’alluminio ondulato - sono poste tra due tubi consecutivi e fissate a essi. Ebbene, Frigosystem adotta tale tecnologia sulle gamme di media e grande potenza, sia in abbinamento ai compressori Scroll nella serie sia Raca Plus Energy sia Raca Heavy Duty con compressori a vite, consentendo ai propri chiller di diminuire le quantità di gas nel circuito, aumentando l’efficienza e contenendo l’incremento dimensionale dei chiller.

Condividi: