Notizie per l'industria delle materie plastiche e della gomma. Macplas
Marketing martedì, 21 giugno 2022

Engel verso il K 2022: innovazione e investimenti per affrontare le sfide future

Ottimismo allertato dalle condizioni attuali generali, efficienza energetica, digitalizzazione e realizzazione dell’economia circolare. Con questo spirito e queste linee di sviluppo, supportati da capacità di innovazione e investimenti, Engel ha avviato l’esercizio 2022-2023. Come è stato illustrato nella conferenza stampa pre-K 2022 tenutasi presso la sua sede a Schwertberg (Austria) il 15 giugno, il costruttore austriaco ha chiuso l’esercizio 2021-2022 con un incremento del 36% rispetto all’anno precedente, realizzando un fatturato di 1,5 miliardi di euro, risultato quasi pari a quello del 2018-2019, il migliore esercizio nella storia del gruppo.

 

"Il portafoglio ordini è eccellente e saremo impegnati fino al tardo autunno", ha affermato Stefan Engleder (nella foto in basso), CEO del gruppo Engel. “Il fatto che abbiamo superato la crisi automobilistica e la pandemia così bene mostra quanto sia solida la nostra attività. Anche nei momenti difficili, siamo stati un partner stabile e affidabile per i nostri clienti".

 

Engleder ha citato l'elevata flessibilità di una rete di produzione globale, i continui investimenti in siti aziendali in tutto il mondo e un alto grado di innovazione come ragioni dell'eccellente resilienza dell'azienda. Nonostante le recenti difficoltà, Engel ha rispettato i suoi obiettivi di sviluppo e ai piani di investimento. L'apertura del nuovo centro tecnologico per i clienti presso il grande stabilimento di St. Valentin (Austria) nella primavera del 2022 ha segnato il completamento del più grande programma di investimenti nella storia di Engel; negli ultimi anni sono stati investiti oltre 375 milioni di euro per l'ampliamento e l'ammodernamento degli impianti di produzione in tutto il mondo.

 

Dal 2018, però, le condizioni generali sono cambiate radicalmente. “Le crisi rimarranno parte della vita di tutti i giorni. Ci stiamo sviluppando e preparando per affrontare una serie di nuove sfide", ha ammesso Engleder. Le principali sfide al momento includono gli sviluppi politici in Europa, l'interruzione delle filiere di approvvigionamento e l'aumento esponenziale dei prezzi di energia e materiali. I mercati si stanno surriscaldando e il differenziale di costo continua ad allargarsi, con l'aumento dell'inflazione che ne aggrava l'effetto. Di conseguenza, un qualche tipo di impatto sui prezzi sarà inevitabile.

 

La multinazionale austriaca sta facendo tutto il possibile per ridurre al minimo l'impatto della crisi della filiera di approvvigionamento sui clienti. "Siamo in stretto contatto con i nostri fornitori e investiamo anche strategicamente per mantenere attiva la produzione e soddisfare le nostre scadenze di fornitura", ha affermato Engleder. L'uso parsimonioso di energia e risorse è fondamentale per il continuo processo di ottimizzazione dell’attività e dei prodotti di Engel. "Sebbene le nostre macchine per lo stampaggio a iniezione stiano già dando un contributo importante, è possibile ottenere ancora di più con la tecnologia di controllo della temperatura opportunamente coordinata per le macchine", ha aggunto Engleder. Con soluzioni di sistema integrate in grado di combinare macchine per lo stampaggio a iniezione con soluzioni di controllo della temperatura e prodotti digitali da un'unica fonte, il costruttore aiuta i trasformatori a raggiungere una produzione climaticamente neutra, migliorando al contempo la loro competitività.

 

Il risultato dell'esercizio 2021-2022 e la domanda persistentemente forte non dovrebbero oscurare l’incertezza della prospettiva, come ha ricordato Stefan Engleder: “La situazione attuale presenta a noi e a tutta l'industria della plastica nel suo insieme grandi sfide. Semplicemente non è possibile fare previsioni accurate su come si svilupperà il business”. Tra gli elementi di incertezza rientrano anche la guerra in Ucraina e i suoi effetti sulle filiere di approvvigionamento già in difficoltà, nonché i prezzi dell'energia e delle materie prime.

 

Guardando al futuro, Engel continuerà a dare priorità agli investimenti strategici e a una intensa attività di ricerca e sviluppo per confermarsi un partner stabile e affidabile a lungo termine per i trasformatori. Engel ancora oggi è una multinazionale a conduzione familiare e ha mantenuto la sua indipendenza dagli investitori esterni sin dalla fondazione dell'azienda nel 1945. "Soprattutto in questi tempi difficili, i clienti possono fare affidamento sulla solidità del Gruppo Engel", ha concluso Stefan Engleder.