News for the plastics and rubber industry. Macplas
Environment Thursday, 1 December 2022

Regolamento imballaggi: arrivano i primi pareri

È stato presentato il 30 novembre dalla Commissione europea il nuovo regolamento su imballaggi e rifiuti da imballaggi per modificare la Direttiva 94/62/CE e, come era prevedibile, arrivano i primi pareri, non tutti concordi, a riguardo.

 

Per quanto riguarda il Governo italiano, la Viceministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Vannia Gava, ritiene che “la proposta di regolamento sugli imballaggi presentata oggi dal vicepresidente Timmermans e dal commissario Sinkevivicius conferma tutte le criticità che imprese e Governo hanno evidenziato nei giorni scorsi: un muro ideologico, l’assenza di aperture al confronto e l’inadeguatezza davanti a situazioni di eccellenza come quella del nostro Paese”.

La Viceministro, promettendo un confronto serio e ragionevole al tavolo del Consiglio UE, aggiunge che, “se ridurre gli imballaggi significa eliminare i sacchetti per la frutta e la verdura sotto 1,5 kg, allora si vuole incentivare lo spreco alimentare. Se favorire il riciclo significa obbligare gli Stati a organizzare sistemi di deposito e ritiro, allora si vuole smantellare il sistema dei consorzi in Italia. Consorzi che garantiscono gli eccellenti livelli di riciclo con cui l’Italia ha superato con nove anni di anticipo i target UE, fondamentali per rigenerare i prodotti, convenienti per i produttori, che fungono da stimolo costante allo sviluppo di processi innovativi per la creazione di materie prime seconde”.

“Per altro, il sistema di vuoto a rendere proposto dall’UE, con tanto di cauzione a carico dei consumatori, può costare fino a 10 volte di più dell’attuale sistema di raccolta differenziata, senza la garanzia che possa produrre effetti migliori per il riciclo e registrare un minore impatto sull’ambiente. Se la direttiva imballaggi non ha trovato la giusta applicazione in alcuni Paesi, non si capisce perché debbano essere puniti i Paesi più efficienti, i cui modelli di trattamento dei rifiuti sono delle best practices che andrebbero imitate. Le imprese, lo dice anche il testo del regolamento, hanno chiesto di incentivare il riciclo, non di affossare un intero comparto industriale. Non molleremo e daremo battaglia”, conclude la Viceministro Vannia Gava.

 

I produttori europei di imballaggi, rappresentati da Europen, invece, fanno sapere attraverso una nota stampa che la proposta della Commissione europea su imballaggi e rifiuti di imballaggio va considerato un lavoro incompiuto. Nonostante la sua dichiarata ambizione, la proposta non porterebbe la sostenibilità degli imballaggi a un livello superiore a causa delle molte serie questioni che restano senza risposta. Tra queste figura il mancato riconoscimento del fatto che la riciclabilità o la riutilizzabilità degli imballaggi da sola non sarà sufficiente se non supportata da un sistema in grado di innescare investimenti nelle infrastrutture di riciclaggio e riutilizzo in tutta Europa.

“L'industria dell’imballaggio sostiene pienamente il Green Deal e ha investito massicciamente nell'innovazione dei materiali e del design, nell'aumento della riciclabilità, nella raccolta e nell'uso di un maggiore contenuto riciclato. Tuttavia, il raggiungimento dell'obiettivo di riciclabilità del 2030 richiede sforzi concreti e collettivi, tra cui la raccolta obbligatoria e investimenti significativi nelle infrastrutture di selezione e riciclaggio", afferma il segretario generale di European, Francesca Stevens. “L'economia circolare non è fine a sé stessa, ma uno strumento per raggiungere la neutralità climatica e zero rifiuti. Ignorare le funzionalità del packaging per proteggere alimenti e prodotti e prevenire gli sprechi o imporre restrizioni e divieti arbitrari non può essere la via da seguire”, aggiunge Francesca Stevens.

Riutilizzo e ricarica degli imballaggi, prosegue la nota stampa, dovrebbero essere richiesti per fornire un migliore risultato ambientale in condizioni di vita reale rispetto alle alternative monouso ed essere valutati in base a criteri specifici relativi ai requisiti di igiene, salute e sicurezza alimentare. Invece di concentrarsi esclusivamente sugli obiettivi, la proposta avrebbe dovuto prevedere un quadro chiaro per consentire la raccolta e il riciclo obbligatori, aumentando al contempo riutilizzo e ricarica dove questi possono avere senso dal punto di vista ambientale. Una maggiore armonizzazione del quadro normativo, attraverso la scelta di un regolamento come strumento giuridico e base legale del mercato interno è un gradito passo avanti per porre fine alla pletora di misure nazionali divergenti che stanno perturbando il mercato unico e compromettendo la transizione verso un sistema circolare economia.

Europen, che rappresenta oltre 70 aziende e associazioni nazionali dell'industria europea dell’imballaggio, si dice pronta a impegnarsi con Parlamento e Consiglio europea per affrontare queste questioni critiche in modo che il regolamento proposto sia a prova di futuro e fornisca un ambiente normativo che supporti l'industria europea verso un'economia completamente circolare.

 

European Bioplastics (EuBP), l'associazione che rappresenta gli interessi dell'industria delle bioplastiche in Europa, in un comunicato stampa accoglie con favore le nuove norme proposte su imballaggi e bioplastiche adottate dalla Commissione europea. “Apprezziamo il primo quadro politico completo della Commissione sui materiali bioplastici innovativi, riconoscendo il loro potenziale per fornire reali benefici ambientali. EuBP, in particolare, elogia l'approvazione da parte della Commissione dell'importante ruolo degli imballaggi in plastica compostabile nelle norme sugli imballaggi proposte per il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi in materia di rifiuti e clima. Tuttavia, ci saremmo aspettati un sostegno più forte per l'uso di materie prime a base bio", afferma Hasso von Pogrell, direttore generale di EuBP.

"Siamo particolarmente sollevati nel vedere che il divieto parziale inizialmente proposto sugli imballaggi in plastica compostabile è stato infine revocato e che tali imballaggi continueranno a essere commercializzate e riciclati nell'UE", aggiunge von Pogrell. La proposta della Commissione per il regolamento su imballaggi e rifiuti di imballaggio (PPWR) riconosce i contributi della plastica compostabile nell'aumentare i volumi e la qualità dei rifiuti organici raccolti separatamente e nel ridurre la contaminazione dei flussi di rifiuti (organici). Rendendo obbligatoria la compostabilità di diverse applicazioni di imballaggio negli impianti di compostaggio industriale, tra cui bustine di tè, capsule e cialde di caffè con filtro, adesivi per frutta e sacchetti di plastica molto leggeri, la Commissione sta compiendo un primo passo nella giusta direzione, afferma EuBP.

"Purtroppo, nella comunicazione sul quadro politico per la plastica a base biologica, biodegradabile e compostabile permangono alcuni malintesi persistenti per quanto riguarda l'uso del suolo, i metodi utilizzati per valutare i benefici ambientali, i presunti rischi di contaminazione incrociata dei flussi di rifiuti, nonché di biodegradabilità in diversi ambienti. Questo ha impedito alla Commissione di abbracciare pienamente il passaggio ai prodotti a base biologica che avrebbero consentito all'Europa di ridurre la sua dipendenza dalle risorse fossili e raggiungere ambiziosi obiettivi in materia di clima e circolarità", aggiunge von Pogrell.

In particolare, prosegue il comunicato stampa, la proposta della Commissione non riesce a promuovere il contenuto biologico allo stesso modo del contenuto riciclato attraverso obiettivi, per aiutare a garantire la disponibilità delle materie prime, per raggiungere obiettivi di contenuto riciclato e per soddisfare i severi requisiti per i materiali sensibili al contatto. Dare la priorità al contenuto riciclato e al riciclo meccanico non sarà sufficiente per sostituire la dipendenza dell'UE dalle risorse fossili e per fermare l'attuale tendenza al sovra-imballaggio e all'eccesso di rifiuti nell'UE.

"Chiediamo ai responsabili politici dell'UE di mostrare maggiore ambizione e una visione chiara nel loro sostegno politico alla plastica a base bio e compostabile, migliorando e chiarendo ulteriormente la proposta con l'obiettivo di sostenere in modo decisivo l'innovazione nel settore dei materiali sostenibili e delle soluzioni di imballaggio, garantendo che gli investimenti, l'occupazione e l'innovazione rimangono in Europa”, conclude von Pogrell.