Nuova immagine per i tubi europei

Teppfa rinnova sito Internet e identità visiva

Materiali - martedì, 26 novembre 2019

L’associazione europea dei produttori di tubi e raccordi in plastica, Teppfa, ha lanciato una nuova versione del suo sito internet, reso più fresco, reattivo e dinamico per mettere in evidenza la qualità e le proprietà dei prodotti, e ha rinnovato la propria identità visiva.

 

Sin dalla sua fondazione nel 1991, l’associazione ha raccolto una grande quantità di informazioni per provenienti dal campo della ricerca. L'idea alla base del rinnovamento di immagine è stata quella di diventare una fonte riconosciuta e autorevole di informazioni a livello europeo nel campo dei tubi in termini di prestazioni e benefici derivanti dal loro utilizzo.

 

“Negli ultimi anni il campo di attività di Teppfa è cambiato radicalmente. L’approccio a informazioni di qualità ottenibili con un clic su molti argomenti, come, per esempio, la sostenibilità ambientale, è diventato molto più sofisticato. E Teppfa ha il compito di fornire le informazioni più recenti e pertinenti proveniente da un’ampia serie di fonti. Il nuovo sito Internet vuole essere la risposta e riflettere questi cambiamenti", ha commentato Ludo Debever, direttore generale dell’associazione.

 

“Nella progettazione del sito Internet ci siamo concentrati su una visualizzazione poderosa, dinamica e professionale di fatti, dati e ricerche inerenti ai tubi in plastica.

Il nuovo sito è stato sviluppato per ottimizzare l'esperienza degli utenti e guidarli nella ricerca delle informazioni pertinenti nel modo più efficiente, chiaro e conciso possibile", ha spiegato Sergejs Maslakovs, direttore della comunicazione di Teppfa.

 

Insieme al sito Internet, l’associazione ha rinnovato anche il proprio marchio per riflettere l'attenzione del comparto dei tubi verso l'ambiente. Anche attraverso la comunicazione visiva Teppfa vuole sottolineare come i produttori di sistemi di tubazioni in plastica offrano oggi una gamma di soluzioni capaci di migliorare il benessere delle persone e di rendere il pianeta più sostenibile.


Torna alla pagina precedente