BMB a Fakuma 2018

Stampare di più e meglio

Tecnologia - venerdì, 12 ottobre 2018

La partecipazione di BMB a Fakuma 2018, si concentra su velocità, precisione e costanza, ottenute attraverso la combinazione di una meccanica di precisione e di un’elettronica sofisticata, applicata alla pressa a iniezione eKW18Pi/700 completamente elettrica.

La macchina presentata in fiera a Freidrichshafen si contraddistingue per: forza di chiusura stampo di 1800 kN; corsa apertura stampo di 550 mm; passaggio tra le colonne di 510 x 510 mm; diametro vite di 45 mm; volume d’iniezione di 355 centimetri cubi; capacità d’iniezione (PP) di 266 g; velocità d’iniezione di 350 mm/s; pressione d’iniezione di 2000 kg a centimetro quadro; capacità di plastificazione di 52 g/s. Equipaggiata con uno stampo a due cavità, stampa contenitori per alimenti a pareti sottili (spessori di 0,5-0,6 mm) in PP del peso di 23 g e con capacità di 1litro.

Secondo il costruttore bresciano, tra i punti di forza della serie eKW-Pi elettrica rientrano: pulizia dell’ambiente di lavoro, grazie all’assenza di olio; riduzione dei costi di produzione, conseguente a un risparmio del 50-60% per l’elettricità e a un consumo d’acqua inferiore fino all’80-90%; riduzione consistente delle emissioni sonore; ripetibilità e precisione; riduzione del costo per gli oli lubrificanti, dato l’utilizzo di viti a rulli, che funzionano in bagni d’olio sigillati e raffreddati ad acqua; affidabilità e ripetibilità, che si traducono in efficienza e assenza di scarto.

Per quanto riguarda l’unità d’iniezione, queste macchine presentano motori torque a presa diretta, con l’assenza di organi di trasmissione, che esalta le prestazioni e la compattezza di design. Il gruppo di iniezione consiste in un sistema completamente riprogettato e per il trasferimento dei movimenti viene utilizzata tutta la potenza del motore elettrico, senza che si verifichino perdite. L’unità di chiusura è caratterizzata da motore diretto, lubrificazione in bagno d’olio, circuito chiuso di raffreddamento e viti a ricircolazione di rulli.


Torna alla pagina precedente