Sepro con 21 robot a Fakuma 2018

Sperimentare il controllo totale

Tecnologia - giovedì, 18 ottobre 2018

Con il motto “Experience Full Control”, Sepro Group presenta a Fakuma ben 21 robot, di cui 8 in funzione presso il suo stand 1203, nel padiglione A1, e altri 13 installati negli stand dei costruttori di presse a iniezione partner.
“A Fakuma, la nostra attenzione si concentra sul controllo”, ha dichiarato il CEO Jean-Michel Renaudeau (nella foto) in occasione della conferenza stampa del 17 ottobre. Secondo le previsioni, nel 2018 Sepro dovrebbe mettere a segno il sesto anno record consecutivo, con un fatturato di 130 milioni di euro: il doppio rispetto a cinque anni fa.
Il costruttore francese di robot e sistemi d’automazione sta completando l’espansione di tre stabilimenti, per un investimento di circa 11 milioni di euro, che porterà la capacità produttiva annua a 5000 robot. L’azienda, inoltre, è entrata nel mercato dei cobot, i robot collaborativi, con Seprobot: soluzione definita di facile e rapida installazione e operatività, economica e produttiva. Il pacchetto combina un robot Yaskawa a 6 assi, con sensori e protezioni, in un sistema integrato completamente sicuro. Seprobot è progettato per soddisfare le esigenze della maggior parte delle applicazioni nel campo dello stampaggio a iniezione, dove la collaborazione tra robot e operatore risulta imprescindibile.
Tra le soluzioni in funzione allo stand del costruttore, troviamo l’S5-25, rivolto ai trasformatori che necessitano di un robot con entrata dall’alto, per cicli di stampaggio particolarmente veloci. L’unità rimuove un coperchio per vaschette da gelato da un pressa IntElect di Sumitomo (SHI) Demag, con 180 t di forza di chiusura. Il robot è dimensionato per presse a iniezione da 120 a 450 t e rientra nella gamma S5 di robot a 3 assi.
Infine, Sepro ha recentemente chiuso un accordo di collaborazione con il costruttore cinese Tederic per la fornitura di robot a 3, 5 e 6 assi e di dispositivi per la rimozione delle materozze sulle presse Tederic per il mercato tedesco. 

 


Torna alla pagina precedente