BANDERA
Due nuovi strumenti da Konica Minolta Sensing

Misurazione del colore nel comparto dell’automobile

Tecnologia - giovedì, 22 dicembre 2016

Importante produttore di strumenti per la misurazione del colore di oggetti e di sorgenti luminose, Konica Minolta Sensing sta lanciando sul mercato due nuovi spettrofotometri portatili dedicati alle misurazioni di interni ed esterni nel settore automobilistico.

Il primo, CM-25cG, è uno spettrofotometro con caratteristiche peculiari per la misurazione sui materiali e sui rivestimenti interni di autoveicoli, in quanto analizza simultaneamente colore e gloss. È compatto e con geometria 45°/c (circolare): 0° e un sensore di gloss a 60° di alta qualità. Oltre a essere pienamente compatibile con i modelli precedenti, il CM-25cG offre un sistema ottico circolare perfetto, in grado di ottenere, in meno di 1 secondo, i più alti livelli di accuratezza e di ripetibilità, specialmente su superfici strutturate, indipendentemente dall’angolo e dalla direzione della misurazione di colore e gloss con aperture da 7 mm o da 3 mm, interscambiabili fra loro.

Il CM-25cg è leggero e offre un display FTP ampio e “user friendly”, che permette di leggere e gestire le informazioni relative alle misurazioni sia per via numerica sia per via grafica. È inoltre il primo strumento con geometria 45°/0° a offrire, per un corretto posizionamento del campione, un sistema di visualizzazione ottica. Tutti i CM-25cG garantiscono elevati livelli di accuratezza e di performance e sono, di default, a bassa tolleranza (CT); riducono quindi al minimo l’errore interstrumentale, con ΔE*ab 0.15 (calcolato su una media di 12 piastrelle BCRA).

Il secondo, CM-M6, è uno spettrofotometro multiangolo portatile progettato in particolare per la misurazione accurata, facile e veloce del colore di qualsiasi parte esterna di autoveicoli lungo la linea di produzione e, quindi, su superfici metalliche e plastiche anche con verniciature particolari. Grazie al design ottico e all’area di misura da 6 mm, nonché all’utilizzo di un doppio sistema di illuminazione brevettato (con illuminazione diretta a 45° e la possibilità di osservazione a 6 angoli: -15°, 15°, 25°, 45°, 75°, 110° aspeculare), questo innovativo spettrofotometro consente di ottenere risultati precisi e stabili perfino su superfici curve con un raggio R=300. Componenti auto, quali paraurti anteriori e posteriori, specchietti o maniglie, potranno quindi essere misurati rapidamente e direttamente nell’ambito della linea di produzione.

Compatto e leggero, il CM-M6 permette una facile impugnatura a una o due mani, oltre a un facile posizionamento, con un display a colori ad alta risoluzione e retroilluminato, che semplifica la lettura dei dati anche in ambienti con scarsa luminosità. La costruzione solida e robusta e la forma elegante e leggera rendono il CM-M6 lo strumento perfetto per la misurazione di parti e zone critiche, altrimenti impossibili per gli strumenti multiangolo convenzionali.

I due strumenti - presentati in anteprima alla fiera K 2016 - sono stati sviluppati in stretta collaborazione con i principali produttori dell’automotive, al fine di mettere a punto soluzioni in grado di rispondere alle loro esigenze produttive e di controllo qualità lungo tutto la filiera. Grazie all’utilizzo di questi nuovi dispositivi, i clienti dell’industria automobilistica (ma anche quelli di altri comparti industriali) avranno la possibilità di aumentare la produttività, riducendo al contempo i propri costi.


Torna alla pagina precedente