Ripensare il progresso

Le basi dell’economia circolare

Materiali - lunedì, 29 giugno 2020

L’attuale processo industriale è basato su un concetto lineare:

 

prendere > fabbricare > usare > gettare.

 

I rifiuti sono il risultato finale di questo sistema produttivo.

 

L'economia circolare ridefinisce la crescita per creare capitale economico ma anche naturale e sociale. Si concentra sui benefici per l’intera società e non solo per il singolo. La chiave dell’economia circolare è riprogettare la produzione partendo dai rifiuti che diventano una nuova risorsa. Si basa su tre principi chiari:

- pianificare rifiuti e inquinamento;

- produrre prodotti e materiali durevoli;

- rigenerare i sistemi naturali.

 

Ecodesign: riprogettare secondo l’economia circolare

Nell’economia circolare è fondamentale avere un approccio complesso e completo alla produzione che rivoluzioni sia i prodotti che i processi. Un percorso che vede coinvolti professionalità e soggetti diversi. In primo luogo i designer che devono pensare i prodotti con un orizzonte ampio. Gli oggetti devono:

- usare materie prime che provengono da filiere di recupero al posto di risorse vergini;

- avere caratteristiche che permettono lo smontaggio, la ristrutturazione o il recupero della materia prima;

- essere modulari, versatili, tali da adattarsi al cambiamento delle condizioni d’uso.

 

Anche i siti di produzione vanno riprogettati. Per non essere più dei divoratori di energia e risorse, le fabbriche vanno alimentate con fonti rinnovabili e non solo con fonti di origine fossile. Grande attenzione va data al recupero degli scarti di lavorazione considerati preziosa materia prima a tutti gli effetti.

   

Lunga vita alla plastica. Più riutilizzo uguale meno rifiuti.

 

La plastica è un materiale straordinario. Ormai è indispensabile in infiniti campi di applicazione per le sue caratteristiche meccaniche, per la sua modellabilità e anche per il suo basso costo. Proprio questo fattore ha fatto sì che venisse per troppo tempo considerata una materia prima di scarso valore ed è diventata un rifiuto ingombrante e diffuso. Ma la plastica è troppo preziosa per essere gettata via. Le materie plastiche usate sono una fonte efficiente di nuova materia prima. Covestro sta sviluppando differenti tecnologie di recupero e riciclaggio per mantenere la plastica all'interno del ciclo del valore. Oltre 20 progetti sono dedicati a trovare soluzioni e metodologie per una rivalorizzazione innovativa e sicura.

 

Per saperne di più, su quanto sta facendo Covestro, clicca qui.


Torna alla pagina precedente