Nuova stampante 3D di Stratasys

J826: produttività e colori brillanti

Tecnologia - martedì, 11 febbraio 2020

La nuova stampante 3D J826 di Stratasys coniuga produttività e realismo integrando la stampa 3D a colori multimateriale validata Pantone. Lanciata a 3DExperience World (Nashville, 9-12 Febbraio), sarà commercializzata a partire dal prossimo maggio.

 

Appositamente sviluppata per l’impiego nel campo del design, la stampante J826 consente alle aziende di ridurre di settimane i cicli di progettazione con una qualità di stampa eccellente, per la creazione di prototipi altamente realistici che aiutano il progettista a rappresentare in modo esatto la propria idea, dandole vita molto più velocemente e aumentandone la qualità con più iterazioni di progetto. La J826 è particolarmente adatta a imprese con esigenze di modellazione su media scala in settori, quali i beni di consumo, l'elettronica e l'automobile, così come i centri di formazione.

 

Concepita come stampante 3D a colori di fascia media, la J826 supporta l'intero processo di progettazione con invio alla stampa in giornata e una facile post lavorazione. Inoltre, assicura la stessa eccellente risoluzione e lo stesso livello di dettaglio delle altre stampanti 3D di Stratasys della serie J8, con modelli capaci di adattarsi alla forma, al materiale, al colore e alla finitura dei prodotti finali.

 

La stampante J826 sfrutta gli stessi materiali PolyJet ad alte prestazioni della J850, soddisfacendo le esigenze sia dei progettisti che degli ingegneri. Integralmente supportata dal software GrabCAD Print, permette di importare in modo agevole i formati CAD più comuni (per esempio Solidworks). Caratterizzata da un volume massimo stampabile di 255 x 252 x 200 mm, come le altre stampanti della serie J8, la capacità di gestire sette materiali consente di caricare le resine più frequentemente utilizzate ed evitare i tempi di fermo macchina derivanti dal cambio di materiale. Le molteplici modalità di stampa permettono di regolare la velocità e la qualità della lavorazione.


Torna alla pagina precedente