La MS 1070 di Moss

Evoluzione tecnologica della serigrafia e versatilità in un’unica macchina

Tecnologia - mercoledì, 24 ottobre 2018

Una macchina per la stampa serigrafica MS 1070 di Moss è stata collaudata con successo nei giorni scorsi da un gruppo italiano produttore di articoli cosmetici e farmaceutici per la decorazione e l'assemblaggio di siringhe dosatrici. Il modello MS 1070 fa parte della famiglia di sistemi servoassistiti di Moss, che consentono il controllo totale della messa a punto e di tutti gli accessori, così come di facilitare e di gestirne la produzione. La riduzione delle regolazioni meccaniche, inoltre, si traduce in tempi di cambio formato decisamente più brevi rispetto ai modelli a comando meccanico appunto.

I mandrini portapezzo sono collegati in serie e sono comandati da servomotori del costruttore austriaco B&R, partner di progetto di tutte le macchine costruite da Moss. Anche le teste per la stampa serigrafica montano servomotori B&R, la cui istantanea accelerazione permette un inizio e un fine stampa con assoluta precisione.

La macchina MS 1070 risulta particolarmente indicata per la decorazione di articoli cilindrici di varie dimensioni e, grazie a una torretta porta-mandrini orizzontale elettrica, la cui taglia e il numero di stazioni sono scalabili in base alle esigenze dei trasformatori, trova il suo punto di forza nella varietà di accessori installabili a bordo.

La MS 1070 recentemente collaudata possiede una configurazione totalmente ritagliata sulle esigenze del trasformatore, poiché è dotata di un sistema di alimentazione aggiuntivo per il montaggio del corpo delle siringhe sui pistoni decorati, il cui corretto assemblaggio viene controllato da una fotocamera a elevata risoluzione. Inoltre, un sistema di alimentazione addizionale permette il montaggio di un cappuccio protettivo sulla siringa dosatrice. Infine, l’impianto dispone di un sistema di controllo della qualità del decoro realizzato dall’azienda italiana DecoSystem e un sistema di essicazione dell’inchiostro a raggi UV.


Torna alla pagina precedente